Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Pignolata Calabrese
STORIA
Pignolata calabrese al miele, è un dolce tipico in tutto il meridione. Vi è un’infinità di ricette dipende dalla zona in cui sono fatti. Questo dolce non ha troppe calorie che sono date per la maggior parte dal miele (io preferisco usare quello di millefiori o di acacia.) È un impasto di uova e farina con un pizzico di sale, lavorato e fatto a filoncini sottili, tagliato a piccoli pezzetti, fritti in olio e poi passati nel miele caldo. A questo punto non resta che mangiarli e come si dice, uno tira l’altro! La pignolata calabrese al miele fa parte della cultura dolciaria calabrese e non può mancare per Natale, (nel reggino si usa tanto anche a carnevale) non sarebbe la stessa cosa senza la pignolata calabrese sulla tavola delle feste.
INGREDIENTI
Farina tipo 00 300 g
Uova 2 intere più 1 tuorlo ( peso totale 125 gr)
Burro 30 g
Zucchero semolato 20 g
Grappa 20 g
Limoni la scorza di 1
Sale 1 pizzico
Friggere con olio di oliva 
Guarnire con 125 g di miele millefiori
PROCEDIMENTO
Per realizzare la Pignolata al miele versate la farina setacciata in una ciotola , poi aggiungete il burro morbido a pezzetti, il sale  lo zucchero semolato , poi aromatizzate con la scorza grattugiata di un limone non trattato  e con la grappa. Infine unite le due uova intere e il tuorlo . Iniziate ad impastare a mano energicamente  per amalgamare gli ingredienti poi trasferite l'impasto su una spianatoia infarinata proseguite ad impastare fino ad ottenere un impasto compatto al quale dare la forma di un panetto. Avvolgete il panetto ottenuto con la pellicola per alimenti  e lasciate in frigorifero a rassodare per almeno 2 ore. Trascorso il tempo di riposo, riprendete l’impasto e con un tarocco dividetelo in pezzetti larghi 1 cm . Arrotolate ciascun pezzetto per ottenere dei filoncini , da questi ritagliate piccoli pezzi da 1 cm. Ora potete procedere con la cottura, scaldate in un tegame l’olio di oliva fino al raggiungimento di 170° gradi circa, questa è la temperatura ideale per ottenere una perfetta frittura. Con una schiumarola, immergete nell’olio pochi bocconcini alla volta , per non abbassare la temperatura dell’olio. Friggete per circa 3-4 minuti poi scolate i bocconcini  e adagiateli su un vassoio rivestito di carta assorbente per asciugare l’olio in eccesso . Raccogliete in una ciotola la pignolata e versate sopra il miele  quando i bocconcini sono ancora caldi, mescolate per amalgamare il miele, trasferite la pignolata al miele su un piatto di portata e decorate con le codette colorate a piacimento. Conservare per 2-3 giorni in una campana di vetro. E si sconsiglia il congelamento.

Produttori